FANDOM


Lucas mette radici è il secondo episodio della prima stagione di Gormiti, che miti.

TramaModifica

Lavion è stato liberato dal suo stato di esilio e insieme al suo complice Bombos Potenza di Fuoco sta incendiado la Valle del Destino. Nick, Lucas e Toby raggiungono Gorm e si trasformano per combattere contro di loro e difendere Mimeticus, il Gormita che esiliò Lavion. Quando Jessica, rimasta al Tempio degli Elementi, scopre l'incantesimo effettuato cento anni prima di Mimeticus, i Signori della Natura suppongono che Mimeticus abbia intenzione di condannare nuovamente Lavion all'esilio: ma il Gormita si rifiuta categoricamente di ripetere l'incantesimo. Lucas legge allora la formula sulla pergamena di Mimeticus al suo posto, ignaro del rischio che corre, e riesce ad aprire il portale, stavolta intrappolando sia Lavion che Bombos.

Al loro ritorno, i ragazzi notano che l'incantesimo ha avuto un effetto di rimbalzo: Lucas prima acquisisce la forma di Gormita, poi perde la mobilità fino a diventare quasi interamente una pianta. Razzle spiega ai ragazzi che con l'Occhio della Foresta è possibile recuperare l'essenza di Lucas che è andata perduta nel portale. Nick e Toby lo riportano su Gorm, dove Mimeticus si fa vivo e racconta che anche lui, tempo prima, aveva subito la stessa penitenza per aver lanciato l'incantesimo. Ma quando Lucas diventa completamente albero, l'umile Gormita si pente di non essere intervenuto, e si offre di leggere la pergamena. All'apertura del portale, Nick e Toby si trasformano e, recuperando l'essenza di Lucas attraverso l'Occhio della Vita, abbandonano di nuovo Lavion e Bombos.

Lucas torna umano e anche Mimeticus viene guarito definitivamente dalla magia dell'Occhio.

CuriositàModifica

  • Nella prima messa in onda italiana, in cui gli episodi erano suddivisi in due spezzoni, le due parti di questo episodio furono mandate in onda come Lucas mette radici e Un Gormita a scuola.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.